POESIA

    

La sera respira

(casa editrice: I.L.A Palma; ed.  1974)

"La Sera Respira" è il verso conclusivo ed un verso per così dire animistico e vitalistico, la poesia coglie la sera in tutte le sue sollecitazioni emozionali ed in tutte le sue suggestioni non per ciò che la sera è ma per ciò che suscita e mette in moto nella sensibilità e nella mente del poeta. "La sera di Osnato è un pò la sera dantesca che pare che il giorno piange che si muore, è la sera demoschettiana con il singulto delle illusioni perdute, è un pò la sera mossa da dubbio esistenziale del domani ma è pur sempre una sera vitale, una sera che respira del passato e del futuro, una sera che consente all'uomo ed al poeta il suo recupero perché tra due momenti dell'oggi e del domani costituisce un momento di sosta o per meglio di dire un momento teoretico o di contemplazione, per questo profondamente religioso": (Prof. Nicola Caputo)

Si passa, in un chiaroscurale giuoco di luci e ombre, dalla natura all'uomo, dall'uomo alla natura, in cui la natura ha il sopravvento da un punto di vista etico: comunque si presenti il suo aspetto, è sempre un dono di Dio.

 

Presentazioni

Circolo della Stampa - Palermo - Nicola Caputo - 1974

Loggetta del Trentanove- Faenza 1974; rif. stampa: Il resto del Carlino

Casa dell'America Latina - Roma - Girolamo Bellavista - 1975

Libreria Fiaccadori - Parma - Giovanna They - 1975; rif. stampa: Gazzetta di Parma

Società Dante Alighieri - Neuchâtel - Svizzera - Prof. Merciai - 1976

Ateneo Veneto - Venezia 1975 Conte Ranieri da Mosto e Presidente G. Fletzer ;                     rif. stampa: Gazzettino di Venezia 16 Marzo 1975  

Recensioni

  

Journal de Teheran - 24 Ottobre 1974 - Chojaeddin Chafa (Ministro della Cultura pro-tempore dell'IRAN)

Corriere della Sera - 16 Marzo 1975

Giornale di Sicilia - 1974 - Giuseppe Servello


Vulissi Cantari

(Stamperia Zito; ed: 1975)

"Vulissi Cantari", titolo della raccolta delle poesie in dialetto, fa comprendere la copertina del libro, ispirata ad una Madonna, opera dell'artista spagnolo Ignazio Maria Serra Goday.

Questa poesia canta il male ed il bene, l'amore e la gelosia, la fede e l'esistenza, i sentimenti dell'uomo esaltando le voci secolari della gente di Sicilia.

In questo breve epigramma esistenzialista: "Tra palpiti / tra russuri / tra ducizzi / Vitti l'amurusa mia / fari prudizi", il Prof. Nicola Caputo ha ravvisato le sembianze della delicatezza catulliana e l'audacia icastica di un Marziale.

 

Presentazioni

Circolo della Stampa - Palermo - Nicola Caputo - 30 Maggio 1975

 

Recensioni

Il domani - 1975 - A. G. Marchese


 

  con traduzione francese e spagnola

Cammini paralleli

(Stamperia Zito; ed. 1976)

Testo italiano con traduzione a fronte in francese (Ida Rampolla del Tindaro) e in spagnolo (Juan Bautista Betran).

Il titolo allude sia a questo parallelismo linguistico, sia ai binari paralleli sui quali cammina il magistrato Osnato Antonio ed il poeta Osnato Antonio.

Entrambi binari o le strade si dirigono verso la stessa meta: la "verità". In un mondo corrotto, soprattutto dall'ipocrisia delle "parole" e dall'egoismo delle azioni, acquista valore la testimonianza ad oltranza della parola "bella" che esprime la verità; una verità che esige il confronto dell'azione se finalizzata alla contingenza temporale, laddove la parola "bella" del poeta ha sempre la funzione di opporsi alle parole corrotte del mondo. L'ispirazione viene dal paesaggio siciliano ma anche da paesi del tutto diversi e lontani come la verde vallata dei Pirinei ed i monti dell'IRAN.

 

Presentazione

Villa Igiea - Sala Basile - Palermo - Ida Rampolla del Tindaro, Nicola Caputo, Juan Bautista Bertrán - ottobre, 1966

Parigi - Sorbona - Prof. Charles Dédéyan - 12 maggio 1976 vedi "Le Figaro"       Saluti del direttore J. d'Ormesson

Chemins Parallèles - Auditorium Centre Saint-Louis de France - Roma - giugno, 2005

Libreria Shakespeare and company - Parigi, 1976

Caminos Parallelos - Forum Verges di Barcellona - Spagna - Juan Bautista Bertran - maggio, 1976

 

Recensioni

Osservatore Romano, 20 - 21 febbraio 1978 - Salvatore Orilia

Avvenire, 22 maggio 1977 - Salvatore Orilia

Culture Francaise - maggio-giugno, 1976 - L. Losito

Ragioni Critiche - gennaio - giugno, 1976 - Paolo Marletta


 

PORTA DELL'ORIZZONTE

(casa editrice: Piero Manni; ed.  1992)

PORTA DELL'ORIZZONTE

é una raccolta antologica di alcune poesie dei precedenti libri ed altre, ispirate ai temi della famiglia, alla ricerca della bellezza, allo sdegno contro la violenza, alla solidarietà umana, all'amore della natura, alla rassegna di luoghi e volti amati.

La poesia è affascinante ma anche irraggiungibile per chi non sa esprimere i propri sentimenti. Soltanto attraverso vibranti emozioni si può esprimere ciò che l'animo, tenta di dire

"il poeta non canta per l'alloro

ma per il dolore che non ha tempo.

non canta per noia

ma perché è vivo.

... canta per il suo cuore

che sempre lo ascolta ...

per il vento che raccoglie le sue parole"

 

Presentazioni

Giubbe Rosse - Firenze - Massimo Mori e Vittorio Vettori - 3 marzo 2003

 

Recensioni

Il Tempo - Enrico Cavallotti - 30 aprile 2000

Galatea - Ida Boni


 

STELLA POLARE

(casa editrice: Kalós; ed. 2004)

STELLA POLARE

In questa raccolta la parola di Osnato si esprime in modo leggiadro ma con forza espressiva. Il  canto divenuto più dolente raggiunge intense emozioni dinnanzi all'innocenza e alla dignità delle bestie.

"Se l'ape imitasse l'uomo

annegherebbe nell'orgoglio

inondato di miele".

*

*      *

"Bambini nell'aia scrutano le stelle;

adulti inseguono internet ed astronauti

nella tempesta di Wall Strret".

*

*      *

"... Vuoto il Calvario di ceri e fedeli.

Soltanto i mercanti nella piazza

confezionano pane di furbizia.

Nel cielo , orbo di rondini,

volteggia una gazza,

fiera di abitare nel caduco Calvario".

*

*      *

"... occhi di vecchi

specchi dell'anima

assetata di verità.

Occhi di vecchi

candele votive al dio del rispetto".

Presentazioni

Facoltà di Lettere - Università di Palermo - Preside Giovanni Ruffino, Prof. Nino Alongi, Dott.ssa Claudia Carmina, 26 gennaio 2005      [vedi video]

Centro Lunigianese di Studi Giuridici - Pontremoli - Enrico Ferri, Nicola Costantino, Franco Pezzica, 17 aprile 2005

Libreria Remo Croce - Roma - Enrico Cavallotti, 2006

Castello di Sant'Agata di Militello (ME) - Prof. Salvatore Di Fazio, agosto 2006

Museo Mandralisca - Cefalù - Cons. Salvatore Martino, 2006

 

Recensioni

La Repubblica - Palermo

La Sicilia - Catania


 

E' presente:

nell'antologia La paix invincible espoir Bruxelles, UNESCO, Ed. J. Antoine 1978

in A-Abd AL-Agnabiyyah (Damasco, 1981 n.28) per la traduzione di Issa I Naouri

 

"Un'Avventura dell'anima"

casa editrice: T.e.a.Nova; ed. 2001

Saggio critico della poesia di Osnato curato da Ines Revello, poeta, che vive ad Alassio.

 

Recensione

FactaNet Mensile d'Informazione - Claudia Pettini - 9 novembre 2004  -  leggi